Balasso…te ghe da studiar!! (se non vuoi far ridere senza saperlo!)

Sacranon de on Balasso!!!! :O In questo articolo  il comico nostrano sostiene che la lingua veneta non esiste.

Orpo! e dire che’l seita a dopararla tuti i dì!  / Accipicchia! e dire che la usa continuamente tutti i giorni!

E’ davvero una delle cose più esilaranti che abbia mai detto come comico, ma…OPS!! non credo che se ne sia accorto! 😛

In questo video gli spiego due o tre cosette sulla lingua veneta. Tranquilli: non è una lezione di grammatica, io non sono una linguista! Ho dato solo qualche spunto per far capire che, senza saperlo, utilizziamo regole grammaticali, desinenze e verbi con una struttura vera e propria, anche se “inconsapevole”. Perché del resto la lingua l’abbiamo imparata in casa, ascoltandola, non sui libri di scuola! Per i più curiosi, riporto sotto alcune fonti dove potete saperne di più: l’argomento è vasto ed è oggetto di approfondimenti di studiosi.

Premetto che ci sono molti veneti che la parlano molto meglio di me (e con loro mi scuso delle imperfezioni ma apprezzatene l’intento)! A malincuore devo ammettere che io l’ho imparata tardivamente (la sto ancora imparando!) 😦 Del resto sono cresciuta nell’epoca in cui parlare veneto era considerato “da contadini” (nel senso spregevole con cui ancora oggi purtroppo viene utilizzata questa parola che invece rappresenta ƚe nostre raixe!) e non conto le volte che ancora oggi mi sento dire che è da provinciali, che fa ridere, che xe da boari.

E’ chiaro che soffriamo di un grosso problema di autostima!!!

Questo è il frutto di anni e anni di “lavaggio del cervello” in cui senza accorgerci abbiamo subìto il giudizio di insegnanti, televisione, pseudointellettuali che a poco a poco ci hanno fatto vergognare della nostra lingua madre. Mia mamma (che ha poco più di 60 anni, mica secoli fa!) si ricorda ƚè visciolae so ƚe man coƚe canevere / le bacchettate sulle mani quando a scuola scappava qualche parola in veneto. Ma, pensateci bene: come è possibile vergognarsi di una lingua?! Quella degli affetti e di tutti i giorni, poi! Sarebbe come vergognarsi del francese, del tedesco, del cinese! Assurdo…eppure…fateci caso…e da adesso in poi non cascateci più in questo tranello mentale! 😉

Quindi, caro Natalino continua a farci ridere con i tuoi spettacoli, ma per le cose serie…te ghe da studiar!  😛

 

 

http://vimeo.com/48682181   –    http://www.gramaticaveneta.org

 

Annunci

Scozia, speranza di libertà, esempio di democrazia

Non sono una celebrity 😉  ma il mio messaggio in bottiglia agli Scozzesi lo consegno lo stesso. Perché la libertà di espressione di un popolo è una cosa che riguarda ciascuno di noi.

E il 18 settembre potrebbero cambiare molte cose, non solo per loro.
Incrociate le dita! 🙂