50.000 € per una buona idea

Giovani veneti la regione sostiene le vostre idee imprenditoriali…però affrettatevi!

Le domande per ricevere i finanziamenti chiudono il 15 dicembre.

Servono:

  • una buona idea
  • un business plan convincente
  • avere tra i 18 e i 35 anni e risiedere in Veneto da almeno 5

Ciascun progetto  potrà essere finanziato per un importo pari ad euro 50.000,00, e dovrà esser previsto un cofinanziamento pari almeno al 10% del finanziamento richiesto.

Maggiori informazioni qui

Annunci

Bassano in bici, oggi e domani…e il 3 dicembre!

Bassano in biciSabato 3 dicembre 2011, ore 9:00 in Sala Martinovich l’amministrazione di Bassano del Grappa e l’associazione TuttInBici vi aspettano per parlare del futuro BICIPLAN di Bassano.

Se avete bambini di almeno 3 anni potete prenotare l’animazione bimbi (a cura di Paolo Agostini).

INTERVENTI:

  • Perché in bici è meglio (di Michele Mutterle, segretario organizzativo FIAB)
  • Progettare la mobilità sostenibile (di Marco Passigato, ingegnere e coordinatore Area Tecnica FIAB e Mobility Manager università di VR)
  • Amministrare la mobilità sostenibile (di Giorgio Pizzolato, Vicesindaco di Schio con delega all’innovazione e territorio)
  • Piste e PISTE (di Renzo Masolo)

Durante il convegno verrà proiettato il video “Come ti pedalo oggi a Bassano” realizzato da Daniele Battaglia, Alberto Fioravanzo, Alessio Zago e Diego Alberton.

Saranno inoltre presenti l’Assessore alla Mobilità del Comune di Bassano Andrea Zonta e l’ing. Francesco Seneci, della società Netmobility, che introdurranno gli aspetti principali del futuro Biciplan di Bassano.

PIL, il metro sbagliato per le nostre vite

Bob KennedyIl discorso pronunciato da Robert Kennedy agli studenti dell’università del Kansas il 18 maggio del 1968 rimase nella storia per aver detto una cosa tanto semplice quanto difficile da sradicare nelle nostre coscienza: il PIL è lo strumento sbagliato per misurare il vero benessere delle nostre vite.

Questo discorso è per me un esempio di vera politica. Bob Kennedy chiamava le cose con il loro nome…avrebbero dovuto dirgli che non era conveniente farlo in campagna elettorale, specie se punti a diventare nientemenoche il Presidente degli Stati UnitiE infatti è stato assassinato 3 mesi dopo aver pronunciato questo discorso! Questo è il prezzo che si paga a dire cose scomode. Non è il caso dei politici nostrani che invece vivono a lungo e sempre a galla… tanto da poterli sgelare all’occorrenza e metterli di nuovo in poltrona.

“Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell’ammassare senza fine beni terreni.

Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell’indice Dow-Jones, né i successi del paese sulla base del prodotto nazionale lordo (PIL). Il PIL comprende anche l’inquinamento dell’aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana.

Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari.

Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l’intelligenza del nostro dibattere o l’onestà dei nostri pubblici dipendenti. Non tiene conto né della giustizia nei nostri tribunali, né dell’equità nei rapporti fra di noi.

Il Pil non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese.

Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta. Può dirci tutto sull’America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere Americani.”

Robert Kennedy, 18 marzo 1968
Candidato presidente agli Stati Uniti d’America, ucciso il 6 giugno 1968 

CV Creative Vitae

Rifiuti di ingessare la tua vita in un pallido foglio A4?
Il grigio modello europeo non esprime la tua essenza?

(avvertenze per gli ingegneri: consultare con moderazione! :))

———-

Vuoi farti analizzare spietatamente il tuo CV per uscirne massacrato e un po’ più consapevole su come ci si presenta al meglio?

Make your choice

Dove posto il mio status!?!? Guida rapida!

[ pescato nella rete ]
Tante cose da dire, tanti canali da usare…
Una simpatica guida per aiutarci a scegliere il social network più adatto al nostro post! 🙂
Guida rapida per postare il proprio status

Dove posto il mio status? Guida rapida all'uso dei social network

 

Una domenica come tante

Domenica…Sveglia presto per un servizio con banda e majorettes. Sotto un punzecchiante sole novembrino osservo le colleghe che agitano bandiere e pon pon, il sorriso del maestro che si leva gli occhiali per dare il segnale al giovane percussionista, i brindisi con i compagni di musica.

Poi il compleanno della nonna. Arrivo di corsa la tavola è già pronta e sono tutti seduti attorno. Pasticcio, torta salata, verdure ..tutto buonissimo, soprattutto la torta di mele e cannella. I compleanni sono due, c’è anche quello di mio zio, ma potrebbero essere anche nessuno: il bello è trovarsi a pranzo insieme!

Caffettino in centro: l’occasione per una mini passeggiata in questa giornata strepitosa e per andare a trovare i colleghi di lavoro che stanno facendo volontariato dietro una bancarella di prodotti nepalesi. La solidarietà la si trova anche in ufficio e forse è ancora più bella così, un po’ inaspettata e goliardica. Sabato prossimo tocca a me 🙂

Torno giusto in tempo per infilarmi a casa di amici e scroccare un the caldo e quattro chiacchiere. Sdraiata con una pesante coperta di lana sul divano che fu di johnny depp (ebbene si!) si aspettano “a puntate” gli amici che arrivano senza orario preciso.

Ore 19:00 a messa oggi ho sentito parole bellissime che invitano a vivere la fede nella gioia, non nel timore. Un bel messaggio che dovrebbe essere ricordato più spesso.

Passo per casa, giusto in tempo per spiluccare qualcosa fuori e poi cinema, commediola surreale e graziosa.

Una domenica come tante… niente di speciale… tranne la famiglia, gli amici, la solidarietà, i sorrisi, la musica, l’affetto, il sole…
Una domenica come tante di una persona fortunata!

Tutto iniziò con un mercatino di Natale…

Casette di NataleLaureata a fine ottobre e a spasso da un mese, sentivo già il peso dell’inutilità sociale. Spedivo curricula a destra e a manca e nell’attesa dissi di sì a una amica che mi proponeva di fare la commessa nelle casette del mercatino di natale…10 ore al freddo a vendere coperte di pile!

Il mese trascorso assieme agli altri “elfi natalizi” mi permise di conoscere la commessa della casetta dietro la mia. Parlando del più e del meno, mi suggerì di inviare un curriculum anche all’azienda dove suo marito era socio.

Non ho mai saputo se il colloquio ottenuto fu dovuto alle cioccolate calde bevute assieme alla moglie o a quanto scritto nel mio scarno A4 di neolaureata.
Fatto sta che dopo 40 minuti di piacevole chiacchierata, mi disse con gentilezza e trasparenza: “mi sembri in gamba, ma attualmente non stiamo cercando un profilo come il tuo”.

Avrei potuto ringraziare ed uscire, un po’ delusa.
E invece mi uscì dalla bocca una frase che ancora oggi mi domando da dove la presi:Vi da fastidio se lavoro qui da voi GRATIS per un po’? Invece che stare a casa ad aspettare che rispondano, mi faccio un’esperienza per poter scrivere una riga in più nel curriculum

L’espressione spiazzata del mio interlocutore fu seguita da un esitante “Beh..vediamo come si può fare..

TRE GIORNI DOPO avevo una postazione, potevo andare e venire quando volevo (ovviamente) ma mi coinvolsero subito in un interessante progetto, con riunioni e gruppi di lavoro.

UN MESE DOPO il titolare mi fermò sulle scale per dirmi “A noi non piace tenere le persone senza pagarle..troviamo un sistema per riconoscerti qualcosa” (incredibile, ma vero!!)

TRE MESI DOPO un impiegato trovò un lavoro più vicino a casa. Il profilo combaciava con il mio…ero lì tra i piedi 🙂 ….fui assunta senza battere ciglio.

OGGI sono 10 anni che lavoro lì, l’azienda si è evoluta e io con essa, sono responsabile di un ufficio e ogni tanto mi viene in mente quella frase detta senza pensare.

La fortuna (in questo caso un’azienda etica) è qualcosa che si trova se ci si mette nelle condizioni giuste e ogni tanto queste condizioni passano per una strada stretta che sembrerebbe non portare da nessuna parte…ma che magari, svoltato l’angolo, si apre su un bellissimo parco!

A noi la capacità di scegliere le strade giuste.

Indignati con la bocca piena di hot dog

Ringrazio LorenzoN per un commento sul web che mi ha fatto riflettere.

” Indignati è un nome falso, da falsi. Indignati da cosa? Da una sola cosa, dalla crisi.

Fino a ieri eravamo ricchi, capitalisti, pieni di debiti ma con la bocca piena di hotdog, eravamo il 20% della popolazione mondiale contro un 80% che muore di fame, eravamo i distruttori di ecosistemi a sanguefreddo.
Eravamo i 2 cellulari e un auto 4posti x 1.

Poi la crisi, poi i disoccupati, ah cavolo ma il capitalismo può far male?
Perché se sposti aziende all’estero non va bene perdi il lavoro… e lo guadagna chi sta dall’altra parte.
Quindi indignati di cosa? i banchieri con i soldi di chi sono andati avanti?

Il Capitalismo ci andava bene finche la pancia era piena.

Dovremmo esser contro questo sistema ma avendo la dignità e non l’indignazione, la dignità di ammettere che ne siamo stati complici fino a ieri e solo ora, quando la lama affilata del Capitalismo ferisce le nostre lussuose abitudini, solo ora capiamo quanto è devastante e votato solo ad arricchire pochi, sempre di meno, e a impoverire tutti, sempre di più.

Chiudere gli occhi per vedere di più!

Nel tango, uno dei consigli che danno alle ballerine principianti è di ballare con gli occhi chiusi. Chiudendo gli occhi stranamente vedi molto di più: i piedi tuoi e del tuo cavaliere si disegnano per terra, come se avessi coscienza del corpo di un altro anche solo appoggiando il petto. Le sensazioni si moltiplicano e sai con la pelle ciò che le tue pupille non guardano.
Questo ci dimostra quante capacità abbiamo, se solo vogliamo usarle. 

Vi lascio con un’altra filastrocca che parla di cose invisibili..fino a che non vogliamo vederle.

FILASTROCCA DEI SENTIERI INVISIBILI

Certi sentieri io non li vedo
Se me li dici io non ci credo
Ma ad occhi chiusi posso sentirli
E se mi perdo posso scoprirli
Sono i sentieri che non pensavo
Portano in posti che non guardavo
Come tesori stanno nascosti
Portano al cuore di tutti i posti
Sono i sentieri forse più belli
Io scopro il mondo se scopro quelli

Riunioni efficaci: tra verbali, videoproiettore, odg…e caffè!

accordarsi sulla data, invitare i colleghi, accertarsi che tutti siano informati e abbiano il materiale per tempo, preparare la sala per la proiezione,…servire i caffè quando la palpebra si abbassa …

Quante cose da gestire affinché la riunione sia efficace e concreta!

Oltre al simpatico video, fucinaweb ci fornisce anche qualche spunto intelligente per organizzare bene una riunione!

  • Scrivere un ordine del giorno e condividerlo in anticipo con i partecipanti –> così tutti arrivano preparati
  • Se possibile registrare l’audio della riunione (informando i presenti 8) –> molto utile per fare il sunto di quanto deciso

Io ci aggiungo

  • fate il prima possibile il resoconto della riunione
  • scegliete un moderatore che gestisca gli interventi permettendo a ciascuno di esprimersi ma senza dispersioni

“Una conferenza è una riunione di persone importanti che singolarmente non possono fare nulla, ma assieme possono decidere che non si può fare nulla.” (Fred Allen) 

Buona riunione a tutti!!
..ma no, è venerdì! BUON WEEKEND A TUTTI!!!! 🙂